Trento Cultural Footprint

L'impronta culturale di Trento

Lascia un'impronta sulla tua città!

Trento, come tante altre città italiane, possiede un grande patrimonio architettonico, paesaggistico ed immobiliare poco valorizzato o alcune volte abbandonato.

Questo fenomeno, dovuto molto spesso ad un'urbanizzazione accelerata ed incontrollata, porta ad una frammentazione e al deterioramento della qualità urbana. Inoltre ci tiene nascosti alcuni tesori preziosi del nostro territorio.

Trento Cultural Footprint promuove una rigenerazione urbana sostenibile, che pone le basi sui principi dell'economia circolare. Valorizziamo il potenziale inespresso del patrimonio architettonico, paesaggistico ed immobiliare del nostro territorio, apriamo ai cittadini ed alle associazioni questi spazi e offriamo opportunità sociali, culturali ed economiche.

In collaborazione con:

I nostri obiettivi

Rigenerazione Urbana

Cerchiamo soluzioni innovative per la gestione e l'uso temporaneo o permanente degli spazi oggetto del bando.

Innovazione Sociale

Produciamo innovazione sociale attraverso la partecipazione della cittadinanza, attivando nuove energie sociali e pratiche cooperative.

Valorizzazione del Patrimonio

Valorizziamo il patrimonio architettonico, paesaggistico ed immobiliare della città spesso poco valorizzato o talvolta abbandonato.

Coesione Sociale

Favoriamo la coesione ed il dialogo tra comunità autoctona cittadina e comunità universitaria negli spazi di contaminazione reciproca.

Valorizzazione delle Diversità

Dimostriamo il valore e la ricchezza della diversità nella realizzazione di eventi e iniziative di ampio respiro culturale.

Sviluppo Culturale, Economico e Sociale

Forniamo alle organizzazioni, associazioni e imprese del territorio gli strumenti per coltivare sinergicamente sviluppo culturale, economico e sociale.

Mappatura

La prima fase del progetto consiste nell'analisi sistematica di spazi sottoutilizzati, inutilizzati o abbandonati nel contesto urbano, nel patrimonio immobiliare dell'Università di Trento, dell'Opera Universitaria e del Comune di Trento.

Abbiamo individuato, caratterizzato e georeferenziato ben 133 spazi tra sale, aule, cortili, baite, ville, aree archeologiche, anfiteatri e piazze. Per ciascuno di questi abbiamo studiato le caratteristiche architettoniche, la metratura, le possibili modalità di fruizione, le dotazioni tecniche, l'accessibilità e gli accenni storici.

Questi spazi non sono solo spazi vuoti: rappresentano, in forma embrionale, potenziali motori di rigenerazione urbana e sviluppo culturale del territorio.

Consulta gli spazi

Visione

Nella seconda fase del progetto chiediamo a studenti, cittadini autoctoni, imprenditori e associazioni di dipingere una visione per lo sviluppo di un'impronta culturale sulla propria città. Come immaginate di lasciare un impatto positivo sul fermento culturale di Trento valorizzando il riuso del patrimonio immobiliare?

Il Bando Trento Cultural Footprint offre un'opportunità unica ai cittadini ed agli studenti: ripensare ai modi in cui viene vissuta la città, fornendo gli strumenti per abilitare lo sviluppo culturale del territorio.

Consulta il bando

Attivazione

Nella terza fase la commissione di Trento Cultural Footprint valuta i progetti e ne sceglie dieci, tra cui il pubblico sceglie cinque progetti ed infine, a seguito di una esposizione di fronte alla giuria tecnica, vengono scelti i due progetti migliori.

I vincitori riceveranno un supporto monetario sotto forma di cofinanziamento, oltre a:

  • concessione gratuita degli spazi
  • promozione delle attività
  • consenso alla somministrazione di cibi e bevande
  • il sostegno logistico
  • fornitura gratuita di energia elettrica
Vedi i progetti

Impressum

Trento Cultural Footprint è un’iniziativa promossa dal Comitato di coordinamento di UniCittà in collaborazione con l’associazione universitaria Libere Idee – ALI, il Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e meccanica e il Servizio Cultura, Turismo e Politiche giovanili del Comune di Trento. Per il biennio 2019-2020, il Comitato di coordinamento di UniCittà è così composto: Marco Tubino (coordinatore, componente delegato per l’Università di Trento - DICAM); Francesca Forno (componente, delegata per l’Università di Trento - DSRS); Sara Favargiotti (componente, delegata per l’Università di Trento - DICAM); Chiara Morandini (componente, delegata per il Comune di Trento – Direzione Generale); Sabrina Redolfi (componente, delegata per il Comune di Trento – Servizio Sviluppo economico, studi e statistica); Clara Campestrini (componente, delegata per il Comune di Trento – Servizio Cultura, Turismo e Politiche Giovanili); Maria Laura Frigotto (componente, Presidente Opera Universitaria); Maria Grazia Calliari (componente, delegata per l’Opera Universitaria – Servizi agli Studenti); Federico Macchi (componente, rappresentante degli studenti universitari); Marco Bertolla (Comune di Trento – Direzione Generale); Federica Graffer (Comune di Trento - Servizio Cultura, Turismo e Politiche Giovanili); Mara Sartori (Università di Trento – Ufficio Supporto Relazioni istituzionali e Documentazione strategica).


Sara Favargiotti

Università di Trento
Professore associato DICAM
Coordinatrice del progetto
Sito web