S. Agata

Trento, frazione Povo, località Dosso di S. Agata

Direzione: Elisa Possenti
Su concessione di scavo della Soprintendenza per i Beni Culturali di Trento
Anni di scavo: 2018, 2019 con cadenza annuale. I lavori sono stati temporaneamente sospesi nel 2020 causa l’emergenza nazionale Covid-19. E’ prevista una continuazione a partire dal 2021. In precedenza sondaggi di scavo erano stati effettuati nel 1984 dall’Ufficio Beni Archeologici di Trento (direzione E. Cavada). Nel 2019 sono state effettuate da parte della Soprintendenza per i Beni Culturali (direzione Nicoletta Pisu) indagini immediatamente all’esterno e all’interno della chiesa intitolata a S. Agata contestuali alle operazioni di restauro dell’edificio.
Cronologie: prostorica, tardoromana, medievale

Le ricerche hanno inizialmente previsto (2018) la realizzazione di alcuni sondaggi sulla sommità del dosso al fine di verificare lo spessore dei depositi archeologici. Successivamente nel 2019 è stata aperta un’area di scavo, immediatamente a est della chiesa di S. Agata, nell’ambito della quale sono emersi resti di murature di età probabilmente medievale. Dagli strati che obliteravano le strutture, caratterizzati da una forte residualità conseguente allo sfruttamento agricolo della sommità protrattosi fino agli anni ’50 del Novecento, sono stati recuperati materiali cronologicamente compresi tra l’età protostorica e quella moderna.