Famiglie multilingui: "Persino il nostro cane usa tre lingue"*


"Lava i denti" è parte del frasario universale dei genitori, ma cosa succede quando devi dirlo in diverse lingue? Lucy Ward guarda cosa succede all'interno di tre famigliemultilingui.

Non importa quale sia il retaggio della famiglia, il lavoro del genitore ha un lessico comune: "lavati i denti", "alza la testa da quello schermo", "basta picchiare tuo fratello" si trovano nella maggior parte dei frasari della famiglia.
Ma cosa succede se la lingua con cui sei cresciuto è diversa da quella che tuo figlio utilizza quotidianamente a scuola, o se sia tu che il tuo partner parlate due diverse lingue?
Oggi quasi un bambino su cinque nelle scuole primarie dell'Inghilterra ha una lingua madre diversa dall'inglese. Secondo la professoressa Antonella Sorace, direttrice del centro Blinguism Matters all'Università di Edimburgo, la richiesta di informazioni e consigli su come affrontare le sfide dell'essere genitore bilingue è "enorme".
I consigli che il centro fornisce incoraggiano i genitori a non aspettare che i bambini abbiano un buon inizio con la prima lingua prima di introdurne una seconda - questo approccio porterebbe i bambini a vedere la seconda lingua (quasi) come meno importante.


Molti esperti raccomandano il metodo "un genitore, una lingua" per una casa bilingue, con ogni genitore che parla la sua lingua, ma questo metodo non funziona per tutti.
Qualche volta i bambini sentono una lingua molto di più di un'altra, specialmente se entrambi i genitori capiscono la lingua dominante. Un'altra sfida familiare a molti genitori bilingui consiste nella resistenza dei bambini al parlare una lingua diversa dall'inglese, soprattutto una volta che vanno a scuola. Tuttavia, come mostrano le famiglie a cui abbiamo parlato di seguito, le ricompense del perseverare sono vaste: il bilinguismo può aggiungere molta ricchezza alla vita e all'identità di una famiglia.

 

"Il venerdì sera facciamo una telefonata su Skype con la nostra famiglia israeliana in ebraico"

La storia della nostra famiglia è piena di lingue. La famiglia di mia madre è originaria della Russia e da bambina ha imparato il tedesco e il russo, ma una volta trasferitasi in Israele parlava quasi solo Yiddish. I genitori di mio padre venivano dalla Bulgaria, ma si sono trasferiti spesso, e lui velocemente acquisiva e parlava la lingua del paese in cui si trovata. La famiglia di mia moglie Anava parla arabo dalla parte di suo padre, ebraico e ladino, un’antica lingua ebrea, dalla parte di sua madre - quindi c'è un bel mix.
Mia moglie ed io ci siamo trasferiti in Inghilterra da Israele nel 2003, e a casa parliamo ebraico tra di noi e con i nostri Abbiamo anche un tutor privato che una volta a settimana insegna loro la scrittura.
Il nostro figlio più grande ha acquisito l'ebraico in maniera incredibilmente rapida: sapeva leggere e scrivere dopo tre settimane. Parliamo ebraico anche a nostra figlia, ma lei vi è meno esposta perché i loro fratelli le parlano in inglese, quindi sta iniziando ora a parlare ebraico.

Usiamo libri, canzoni e storie per presentare ai nostri figli la lingua e tutta la cultura che ne deriva, e facciamo una telefonata Skype con le nostre famiglie israeliane in ebraico il venerdì sera.
L'ebraico è molto diverso dall'inglese: è molto diretto e può sembrare che tu stia discutendo quando in realtà stai solo parlando di cosa mangiare a cena. Per questa ragione non lo usiamo fuori casa, anche perché può non far sentire le persone a loro agio - non lo riconoscono, e inoltre temono che tu stia parlando di loro.

Uri Baruch, Cambridge

 


"Sono stato così vicino dal mollare"

Ho sempre parlato spagnolo - la mia madrelingua - con mia figlia Amaia, 14 anni, e con mio figlio Luka, 10 anni, mentre mia moglie Xanthe parla loro in inglese. Sono fortunato perché Xanthe parla anche (lei) lo spagnolo ed è molto entusiasta del fatto che i bambini possano essere bilingui: sarebbe più difficile in una famiglia dove un partner non capisce la seconda lingua. Ciò nonostante, non è stato facile provare a mantenerlo, in parte perché non abbiamo altre persone che parlano spagnolo attorno a noi.

Amaia non ha parlato spagnolo fino all'età di tre anni, a parte qualche parolina, ma poi abbiamo viaggiato e siccome ho passato molto tempo con lei alla fine è diventata perfettamente bilingue. Sono stato molto vicino dal rinunciare perché mi sentivo davvero stupido a parlare spagnolo in pubblico quando mia famiglia non lo parlava! Ovviamente la lingua era stata recepita, ma non emergeva niente.

Luca è stato perfettamente bilingue dal primo giorno. L'ho portato spesso in Spagna quando era molto piccolo e ha passato del tempo con la mia famiglia. Adesso lui e Amaia si sfidano su chi è più fluente.

Una delle ragioni per cui voglio che I miei figli parlino spagnolo è che così possono avere contatti con la mia famiglia e la loro cultura - mio padre parla inglese, ma mia madre no. In più, lo spagnolo è una lingua globale. Ho amici lituani e lettoni che non parlano la loro lingua madre ai figli, perché dicono che non è utile, e io lo trovo molto triste.
Leggo sempre a miei figli una storia della buonanotte in spagnolo, e abbiamo comprato tutti i film della Disney in spagnolo, in modo che se hanno voglia di vedere la TV, possono vederla in lingua originale.
Mantenere la lingua comporta soffrire un po', domandarsi se lo si stia facendo correttamente, se stiano imparando e stiano facendo progressi. Ma sono contento di aver continuato.

Alberto Gonzalez, Kent

 


"Anche il nostro cane, Melman, usa tutte le nostre lingue"

Sono cresciuto in India parlando hindi e inglese, e anche mio marito Christofer è bilingue: è cresciuto a Stoccolma parlando svedese con sua madre e inglese con il suo padre britannico. Quando ci siamo trasferiti in Inghilterra (nel 2002) e abbiamo avuto i nostri due ragazzi - Elijah, 11 anni, e Isaac, 9 anni - abbiamo concordato che Christofer avrebbe parlato loro in svedese ed io avrei parlato loro in Hindi.
Forse è sorprendente, ma non abbiamo mai avuto alcun problema. I ragazzi ci parlano e ci rispondono nella nostra madrelingua, e hanno regolato di conseguenza le loro menti. Per la conversazione familiare quando siamo tutti insieme, all'ora dei pasti per esempio, usiamo l'inglese. Inizialmente, quando stavamo per avere i bambini, mi chiedevo se mi sarei sentita esclusa se Elijah avesse parlato svedese con suo padre, ma non è mai andata così. Anzi, ha rafforzato il mio svedese. Mio marito sapeva l'hindi quando ci siamo conosciuti, quindi capisce anche le mie conversazioni con i ragazzi. Io e lui comunichiamo in inglese, a meno che non siamo in giro e dobbiamo dirci qualcosa con discrezione. Ci siamo serviti di storie di folclore e di altri libri e DVD nelle nostre lingue madri per aiutare i ragazzi a imparare quando erano piccoli, e ho intenzione di insegnare loro a scrivere in hindi.
Gli estranei potrebbero pensare che il nostro accordo sia complicato, ma per noi funziona. Persino il nostro cane, Melman, usa tutte le nostre lingue - capisce "cammina" in hindi (ghumi ghumi), "ora della pappa" in inglese (brekkie), e di notte lo portiamo fuori per fare i bisogni in svedese (go kissa).

Prij Bamford, Essex

 

*Articolo di Lucy Ward pubblicato nella sezione Education di The Guardian
Traduzione dall'inglese di Serena Ciavatta e Veronica Schmalz.