I vantaggi di parlare una seconda lingua – difficili da misurare ma sicuramente interessanti

Fino ad alcune generazioni precedenti parlare due lingue era visto come dannoso. Alcuni test in America avevano dimostrato che le persone bilingui avevano un basso quoziente intellettivo, il che sembrava una prova sufficiente per dimostrarne la dannosità. Col passare del tempo è risultato evidente che quei sondaggi mostravano la povertà materiale degli immigranti: i membri delle famiglie immigrate avevano una maggiore probabilità di essere denutriti e sotto-stimolati, per non parlare del fatto che i test venivano spesso fatti in una lingua in cui non eccellevano.

Le cose sono certamente cambiate. Nell’ultimo decennio è diventato risaputo che il bilinguismo fa bene – lo testimoniano articoli come “Why Bilinguals are Smarter” e “The Amazing Benefits of Being Bilingual” pubblicati da New York Times e BBC. Un’enorme quantità di ricerche ha suggerito che le persone bilingui godono di una varietà di vantaggi non linguistici. In particolare, hanno mostrato che nei bilingui la demenza senile arriva in media quattro anni più tardi che nei monolingui e che presentano un vantaggio nel “controllo esecutivo” – un insieme di abilità che aiutano le persone nello svolgimento di compiti complessi, tra cui concentrare l’attenzione, ignorare le informazioni irrilevanti e aggiornare la memoria di lavoro.

Non è chiaro il motivo per cui il bilinguismo migliori queste capacità. I ricercatori ipotizzano che possedere due lingue significhi mettere in secondo piano una lingua nel momento in cui si utilizza l’altra, una sorta di esercizio mentale che fa sì che il cervello sia più sano. In particolare si crede che questo sia alla base del ritardo nello sviluppo della demenza senile.

Ma come un pendolo, l'opinione sul “vantaggio bilingue” ha ricominciato a oscillare. Nonostante molte ricerche abbiano riconosciuto tale beneficio, molti altri ricercatori hanno cercato di replicare tali studi, ma senza risultati. Roberto Filippi e i suoi colleghi dell’University College di Londra hanno speso cinque anni di ricerca su più di 600 persone, tra i sette e gli ottanta anni, e non sono riusciti a trovare nessun vantaggio statisticamente rilevante in nessuna fascia di età.

In risposta allo scetticismo nei confronti dei vantaggi del bilinguismo, i ricercatori che credono in questa teoria hanno perfezionato i loro studi – ora riconoscendo che, nonostante la caratteristica comune, le persone bilingui usano le loro lingue in modi diversi e ciò può motivare i risultati incongruenti precedenti. Parlare due lingue distinte ha un effetto diverso rispetto al parlare due lingue molto simili? E due dialetti? Parlare più di due lingue offre qualche vantaggio aggiuntivo? Importa se i soggetti vivono tra persone che parlano la loro prima lingua o la seconda?

Un recente studio condotto da quattro ricercatori dell’Università delle Isole Baleari è un buon esempio. Sono stati studiati 112 bilingui utilizzando tre criteri: l’età di acquisizione della seconda lingua; la fluenza nelle due lingue (la maggior parte non sono ugualmente abili in entrambe); e la frequenza con cui passano da una lingua all’altra. La frequenza di commutazione, si è scoperto, era la variabile che si correlava meglio con un migliore controllo esecutivo. A differenza di quello di Roberto Filippi, altri studi hanno lasciato intendere che il cambio frequente può essere un buon indicatore del vantaggio bilingue.

Nel complesso, sembra che se il vantaggio è reale, è sottile e influenzato da molti altri fattori. Anche se i genitori facoltosi sono stati presi dalla spinta nozionale, assumendo tate straniere per i loro figli e così via, potrebbero essere gli individui più poveri a ottenere il beneficio più grande. Uno studio a Hyderabad, ad esempio, ha riprodotto la scoperta di un ritardo di quattro anni nell’insorgenza della demenza tra i bilingui – eccetto per gli analfabeti per cui il divario è di sei anni. Se cambiare lingua è un esercizio mentale sano, è probabile che anche altri tipi di lavoro altamente qualificati e cognitivamente impegnativi forniscano buoni allenamenti. Le persone che praticano altre forme di multitasking mentale potrebbero non ottenere un vantaggio così grande dal bilinguismo, se l'ottengono.

Il punto è che imparare un’altra lingua, o insegnarla a un bambino, può determinare una spinta intellettuale, anche se non sempre. Ma questo non è mai stato il motivo principale per farlo. Una seconda lingua aumenta il numero di persone con cui puoi parlare. Moltiplica i modi in cui possiamo dire le cose, e quindi offre un secondo punto di vista riguardo al modo in cui ci esprimiamo. Il bilinguismo può aiutare nella comprensione delle altre persone; uno studio ha trovato che i bambini bilingui sono migliori nel cogliere altre prospettive, forse perché tengono sempre traccia di chi dice cosa, hanno ben presente che le persone sono tra loro differenti e quindi possono avere diverse opinioni. Infine, parlare una seconda lingua meno bene della prima fornisce un altro tipo di pratica utile: è un esercizio costante di umiltà.

Articolo pubblicato su The Economist. Traduzione di Chiara Mattei.