bilinguismo-medicina

Il bilinguismo è una buona medicina per il cervello

Dopo il pensionamento la professoressa Kathy Jones si trasferì in California e decise che doveva imparare a parlare lo spagnolo.

 

“Quando mi sono trasferita a San Diego, vedevo tutti questi bambini, specialmente latinoamericani, che parlavano perfettamente sia lo spagnolo che l’inglese. E passavano da una lingua all’altra molto fluentemente. Guardandoli, non so bene per quale motivo, ma mi sono detta che volevo essere in grado di fare lo stesso“, afferma.

Jones aspettava con ansia le sue lezioni settimanali di spagnolo e amava le attività extracurricolari organizzate dai suoi insegnanti presso il Centro Culturale e Linguistico di San Diego.

“Prima della pandemia, ci incontravamo per un caffè, per delle feste, laboratori creativi e escursioni in tutta l’America Latina – tutto interamente in spagnolo. Da marzo non abbiamo più avuto la possibilità di fare tutto questo.”

Kathy Jones continua a seguire le sue lezioni, ma ora sono tutte online. La sua compagna di corso è un’amica che vive a Vancouver, nella Columbia Britannica e il loro insegnante si trova a Tijuana. Le sue sessioni online stanno fornendo un’interazione sociale molto necessaria mentre Kathy e suo marito tengono duro chiusi in casa.

 

I benefici

Poiché Kathy è una studentessa diligente ha raggiunto una buona fluenza nel parlato. E di ciò potrebbe beneficiare il suo cervello.

Alcune delle ricerche più avvincenti riguardanti il bilinguismo e l’invecchiamento sono state fatte da Ellen Bialystok presso la York University di Toronto. La studiosa ha scoperto che ai bilingui il morbo di Alzheimer viene diagnosticato da quattro a cinque anni più tardi rispetto ai monolingui.

“Più usiamo un’altra lingua più diventiamo bravi. Bene, questo non è sorprendente, ma assieme a ciò, più utilizziamo due lingue, più il cervello si definisce”, afferma.

E quando si parla degli effetti benefici del bilinguismo sul cervello il livello di istruzione non conta. Di fatto gli effetti più notevoli sono stati riscontrati in persone analfabete o che non avevano alcuna educazione. Il bilinguismo era l’unica risorsa per stimolare la loro mente e invecchiando ciò ha protetto l’invecchiamento del cervello.

Tamar Gollan del Centro di Ricerca sulla Malattia di Alzheimer dell’Università della California di San Diego lo spiega nel seguente modo: “Il bilinguismo non previene la contrazione dell’Alzheimer; non previene i danni che si subiscono se si riscontra la malattia. Quello che fa è mantenerci funzionanti, anche di fronte ai danni del cervello. Un po’ come un atleta che attraversa la linea del traguardo nonostante sia infortunato.”

Ma allora perché essere bilingue ha degli effetti?

“Ritengo che l'effetto agisca sul sistema di attenzione” afferma Bialystok. “Questo è ciò che fa la cognizione, sapere ciò di cui hai bisogno di occuparti e bloccare il resto.”

 

Cambiamenti cerebrali

Bialystok ritiene che l’esperienza di utilizzare due lingue riorganizzi efficacemente il cervello.

“Questo significa che una maggiore esperienza bilingue porta a cambiamenti maggiori. Più a lungo si è bilingui più sono i cambiamenti. Prima si diventa (o si è) bilingui, maggiori i cambiamenti. Più intensa è la nostra esperienza bilingue nel quotidiano, maggiori sono i cambiamenti.”

“Quando sei bilingue” spiega Gollan “non puoi spegnere una lingua, quindi devi costantemente affrontare delle scelte che un monolingue non affronta. Quindi si deve ‘lavorare sodo’ per essere bilingui.”

Le persone che sono altamente istruite, o le persone che hanno lavori molto impegnativi, potrebbero avere benefici simili nella tardiva insorgenza del morbo di Alzheimer. Contraggono comunque la malattia, ma il duro lavoro svolto dal loro cervello negli anni lo rende maggiormente resiliente.

 

“Usalo o perdilo”

La ricerca riguardante il bilinguismo e il cervello è ancora in corso e potrebbero essere trovati altri benefici. Ma nel frattempo cosa può fare una persona anziana? È troppo tardi per raccogliere i frutti dell’apprendimento di una seconda lingua?

“Nello studio tardivo delle lingue si riscontrano minori, ma pur sempre significanti, benefici dello stesso tipo che vediamo nei bilingui dalla nascita” afferma Bialystok.

Kathy Jones non stava cercando di fare qualcosa per il suo cervello quando ha iniziato a imparare lo spagnolo, ma sottoscrive un approccio “usalo o perdilo” nell'apprendimento permanente.

“Le persone dicono che con l’esercizio espandi la tua capacità di ossigeno. Ebbene, io credo che esercitando maggiormente il proprio cervello si espanda la capacità del cervello di imparare più cose e restare flessibile.”

 

Altri modi per rafforzare il cervello:

Dormire molto (ciò dev’essere una priorità).

Fare esercizio fisico.

Mangiare bene.

Mantenere il cervello attivo e stimolato.

 

Perché andare al cinema e ai concerti

Il bilinguismo è solo un modo per creare una “riserva cognitiva” per il nostro cervello. La cosa importante secondo Bialystok è mantenere il cervello attivo e impegnato per tutta la vita. Poiché gli anziani in genere non sono esposti alle diverse classi e attività legate all’andare a scuola e ottenere un’educazione, per il cervello è importante mantenere questi stimoli anche in età avanzata.

Bialystok afferma che vale anche l’andare a concerto. “E se ci andate con un/a amico/a e poi uscite a cena, questo è uno stile di vita che vi fa bene. L’interazione sociale fa bene perché interagendo con qualcuno si utilizza buona parte del cervello.”

 

Ciò che è difficile per il cervello gli fa anche bene

I puzzle e i cruciverba probabilmente non saranno abbastanza stimolanti da fornire al cervello l’allenamento di cui ha bisogno, quindi bisogna puntare a qualcosa di più complesso. “Scegliete un’attività che vi interessa così che non sia solo un lavoro” afferma Bialystok. “Qualcosa che vi coinvolga. Non sarà una panacea, ma più siete coinvolti in una questione complicata, meglio sarà per il vostro cervello. Ciò che è difficile per il cervello gli fa anche bene.”

 

Non lasciate marcire il cervello

Bialystok raccomanda anche l’esercizio fisico: “L’esercizio aerobico è la migliore medicina che ci sia per il cervello, senza eccezioni.”

Tutto si somma. Le persone che trascorrono una vita stimolando il loro cervello staranno meglio in età avanzata. “Uno dei motivi per cui i benefici del bilinguismo sono meno evidenti nelle persone benestanti è dato dal fatto che gli individui di queste comunità vanno in palestra e a concerto. Sono parte di gruppi sociali e interagiscono con altre persone. Tutto questo è utile.”

Il succo della questione è: “Non lasciate marcire il vostro cervello.”

 

Altri benefici del bilinguismo

Nella ricerca di attività utili per mantenere attivo il cervello, lo studio di una nuova lingua è un’ottima scelta. “Anche se non si diventa bilingui, studiare una lingua è difficile” afferma Bialystok.

Gollan è d’accordo: “Il bello del bilinguismo è che se sei bilingue, puoi raccogliere tutti i benefici di queste cose correlate in uno. Perché essendo bilingue si ha un numero maggiore di persone con cui parlare e parlare con le persone fa bene.”

Per Kathy Jones, le lezioni di lingua hanno dei benefici che non aveva neppure preso in considerazione.

“Credo che imparare una lingua apra orizzonti a cui forse nemmeno si pensa. Ti espone all’arte e alla cultura. … C’è una comunità di persone a cui piace imparare lingue. Sono quasi sempre super-interessanti, amano viaggiare, e fanno numerose esperienze, danno valore alle altre culture e all’esposizione a cose nuove. Formano un’ottima comunità di amici, il che è fantastico.”

 

Articolo di Martha Shade pubblicato su CNN-health. Traduzione di Chiara Mattei.