6 potenziali benefici dell'istruzione bilingue per il cervello

Cervelli, cervelli, cervelli. Una cosa che abbiamo imparato all'NPR Ed è che le persone sono affascinate dalla ricerca sul cervello. Eppure può essere difficile indicare dei luoghi in cui il nostro sistema di istruzione si avvale effettivamente delle ultime scoperte neuroscientifiche. Ma c'è un nesso felice dove la ricerca incontra la pratica: l'educazione bilingue. “Negli ultimi 20 anni si è assistito a un'esplosione sostanziale della ricerca sul bilinguismo”, afferma Judith Kroll, professoressa all'Università della California di Riverside.

Ancora una volta i ricercatori hanno accertato, "il bilinguismo è un'esperienza che plasma il nostro cervello per tutta una vita", secondo le parole di Gigi Luk, professore associato alla Graduate School of Education di Harvard.
Allo stesso tempo, una delle tendenze più significative nella scuola pubblica è quella comunemente chiamata doppia lingua o programmi di immersione bidirezionale.
I programmi tradizionali per gli studenti della lingua inglese (ELLs) si concentrano sull’integrare gli studenti nell’inglese più velocemente possibile. Le classi con doppia lingua, invece, forniscono formazione disciplinare, sia in inglese che in altre lingue, a parlanti nativi dell'inglese e a coloro che studiano l'inglese. L'obiettivo è il bilinguismo funzionale e la doppia alfabetizzazione per tutti gli studenti delle scuole medie.
New York, North Carolina, Delaware, Utah, Oregon e lo stato di Washington sono tra i luoghi che stanno incrementando le classi bilingui.
Questa tendenza è in crescita nonostante la guerra di culture di due decadi fa, quando i difensori insistevano sull'istruzione primariamente inglese. Il caso più famoso è quello della California che approvò la proposta di legge 227 nel 1998, destinata a ridurre drasticamente la quantità di tempo che gli studenti di lingua inglese passavano nel sistema bilingue.
La proposta di legge 58, approvata dagli elettori della California in novembre, ribalta questa decisione, aprendo la strada a una vasta espansione dell'educazione bilingue nello stato che ha la più grande densità di studenti della lingua inglese.
L'insistenza sull'importanza dell'inglese era in parte fondata sulla ricerca prodotta decenni fa, che mostrava come gli studenti bilingui avessero un rendimento inferiore dei parlanti monolingui inglesi e un livello di quoziente intellettivo più basso.
Gli studiosi di oggi, come Ellen Bialystok all'Università York a Toronto, ci dicono che la ricerca era “profondamente difettosa”. “Ricerche precedenti prendevano in esame gruppi socialmente svantaggiati”, concorda Antonella Sorace all'Università di Edimburgo, in Scozia. "Ciò è stato completamente smentito dalla recente ricerca" che confronta gruppi più simili tra loro.
Quindi, cosa dice la recente ricerca sui potenziali benefici dell'istruzione bilingue? NPR Ed ha chiamato sette ricercatori di tre diverse nazioni - Sorace, Bialystock, Luk, Kroll, Steele, e il team di Wayne Thomas e di Virginia Collier - per scoprirlo.


ATTENZIONE

Risulta che, per molti versi, il vero "trucco" per parlare due lingue consiste nel gestire il non parlare una di quelle lingue in un dato momento - che è fondamentalmente uno sforzo di prestare attenzione.
Dire “Arrivederci” alla mamma e successivamente “Guten tag” alla tua insegnante, o chiedere una “crayola roja” invece di una “matita rossa” richiede abilità chiamate "inibizione" e "commutazione". Queste abilità sono sottocategorie di una capacità chiamata funzione esecutiva.
Le persone che parlano due lingue spesso hanno prestazioni migliori dei monolingui nelle misure generali della funzione esecutiva. "[I bilingui] possono prestare totale attenzione senza essere distratti e anche migliorare nell'abilità di passare da un compito all'altro" dice Sorace.
Gli stessi vantaggi possono maturare in un bambino che inizia a imparare una seconda lingua alla scuola materna invece che da neonato? Non lo sappiamo ancora. I modelli sull'apprendimento e sull'utilizzo delle lingue sono complessi. Ma Gigi Luk ad Harvard cita almeno uno studio di visualizzazione cerebrale su adolescenti che mostrano cambiamenti simili nella struttura del cervello quando confrontati con i bilingui dalla nascita, anche se non avevano iniziato ad esercitarsi seriamente prima della tarda infanzia.


EMPATIA

I bambini piccoli cresciuti bilingui devono cogliere dei segnali sociali per capire quale lingua usare con quali persone e in quale contesto. Di conseguenza, afferma Sorace, bambini bilingui di tre anni hanno mostrato un vantaggio nei test di perspective taking e teoria della mente - entrambe fondamentali abilità sociali e emotive.


LETTURA (inglese)

Circa il 10 per cento degli studenti delle scuole pubbliche di Portland, Oregon, è assegnato mediante sorteggio alle classi con doppia lingua che offrono un'istruzione in spagnolo, giapponese o mandarino, insieme all'inglese.
Jennifer Steele dell'American University ha condotto un esperimento durato quattro anni e ha scoperto che gli studenti con doppia lingua superavano le prestazioni dei loro colleghi nell'abilità di lettura in inglese entro la fine della scuola media, cioè in un intero anno scolastico.
Un tale effetto in uno studio di queste dimensioni è inusuale, e al momento Steele sta svolgendo numerosi studi a posteriori per chiarire le cause: si tratta di un programma speciale che ha attratto le famiglie più impegnate? O la causa è proprio la formazione a doppia lingua?

“Se si tratta semplicemente di spostare i bambini”, dice Steele, “non è emozionante quanto un metodo di insegnamento che ti rende più intelligente”.

Steele sospetta che la seconda risposta sia esatta, perché gli effetti sono stati trovati nella lettura, non in matematica o scienze, dove ci sono poche differenze; la linguista suggerisce che imparare due lingue renda gli studenti più coscienti di come funziona la lingua in generale, cioè dia loro una maggiore "consapevolezza metalinguistica".
La ricerca di Gigi Luk a Harvard offre una spiegazione leggermente diversa. Infatti Luk ha recentemente condotto un'indagine osservando un gruppo di alunni al quarto anno nel Massachusetts che avevano punteggi simili nella lettura su una prova standard, ma con esperienze linguistiche molto diverse. Alcuni avevano una lingua straniera dominante e altri erano nativi inglesi. Gli studenti che avevano una lingua straniera dominante non erano ancora perfettamente bilingui; stavano solamente iniziando a imparare l'inglese, perciò, avevano un vocabolario inglese molto più debole dei parlanti nativi. Tuttavia erano altrettanto bravi nella decodifica dei testi.
“Questo è davvero sorprendente” racconta Luk. “Ti aspetteresti prove di comprensione del testo che riflettono la conoscenza del vocabolario - è il fondamento della comprensione”.
Come gestiscono questa impresa i parlanti con una lingua straniera dominante? Luk ha scoperto che questi studenti hanno registrato un punteggio più alto nei test di funzionamento esecutivo.
Quindi, anche se non disponevano di un vasto dizionario mental giudicare se una singola frase avesse senso all'interno di un intero racconto. Sono arrivati agli stessi risultati dei monolingui, ma con un percorso diverso.


PRESTAZIONE E COINVOLGIMENTO SCOLASTICI

Wayne Thomas e Virginia Collier, una squadra formata da marito e moglie, professori emeriti alla George Mason University in Virginia, hanno speso gli ultimi trent'anni raccogliendo prove sui benefici dell'istruzione bilingue.
“Wayne si è avvicinato alla nostra ricerca con scetticismo, pensando che gli studenti dovessero essere istruiti tutto il giorno in inglese” ammette Virginia Collier. “Dopo otto milioni di registrazioni di studenti, eravamo convinti.” Wayne Thomas entrò nella squadra.
Dagli studi condotti in sei stati e in trentasette distretti è risultato che, confrontando studenti in classi solo inglesi e con immersione unidirezionale, gli studenti di doppia lingua ottengono un punteggio maggiore e sembrano essere più felici a scuola. Migliore partecipazione, meno problemi di comportamento, coinvolgimento dei genitori più alto.


DIVERSITA' E INTEGRAZIONE

Le classi delle scuole pubbliche americane nel loro insieme stanno diventando più divise per razza e per classe sociale. I programmi di doppia lingua possono rappresentare un'eccezione. Essendo composte da parlanti nativi inglesi deliberatamente collocati insieme con i recenti immigrati, le classi tendono a essere etnicamente e socio-economicamente più bilanciate. E ci sono prove che questo aiuta i bambini provenienti da ogni ambiente ad acquisire familiarità con la diversità e con le varie culture.
Molti dei ricercatori con cui ho parlato hanno segnalato che, nell'educazione bilingue, gli studenti con lingua dominante non inglese e le loro famiglie tendono a percepire la loro lingua di casa come importante, rispetto agli studenti delle altre classi dove la lingua di casa è percepita come marginale rispetto all'inglese.
Ciò può migliorare il senso di appartenenza degli studenti e aumentare il coinvolgimento dei genitori nell'educazione dei figli, e stimolare ad esempio la lettura ai bambini nella lingua della famiglia.
“Molti genitori temono che la loro lingua sia un ostacolo, un problema, e pensano che abbandonandola il loro bambino si integrerà meglio”, dice Antonella Sorace dell'Università di Edimburgo. “Noi diciamo loro che non stanno facendo un favore ai loro figli abbandonando la loro lingua”.


PROTEZIONE CONTRO IL DECLINO COGNITIVO E LA DEMENZA

Archiviatelo come un vantaggio a lungo, lunghissimo tempo. I ricercatori hanno constatato che usare attivamente due lingue sembra avere un effetto protettivo contro la demenza connessa all'età - probabilmente relativo ai cambiamenti nella struttura del cervello di cui abbiamo parlato prima.
Più precisamente, tra i pazienti affetti da Alzheimer in un'indagine canadese, un gruppo di adulti bilingui ha eseguito dei test cognitivi e sulle funzioni quotidiane con risultati alla pari di quelli ottenuti da un gruppo di adulti monolingui. Ma quando i ricercatori hanno esaminato i cervelli dei due gruppi hanno trovato tracce di atrofia cerebrale da cinque a sette volte più avanzato nel gruppo bilingue. In altre parole, gli adulti che parlano due lingue proseguivano a un livello più alto nonostante i maggiori livelli di danno.


CONCLUSIONE E UN AVVERTIMENTO

Un tema comune a tutti questi ricercatori era la raccomandazione delle classi in doppia lingua.
Thomas e Collier hanno consigliato a molti sistemi scolastici come espandere i loro programmi di doppia lingua, e Sorace dirige "Bilinguism Matters", una rete internazionale di ricercatori che promuove progetti di istruzione bilingue.
Questo tipo di sostegno tra scienziati è insolito; ancor di più perché le "ipotesi di benefici del bilinguismo" sono state nuovamente messe in dubbio. Una articolo di indagini pubblicato lo scorso anno ha dimostrato che i vantaggi cognitivi non erano comparsi nell'83 % degli studi pubblicati, anche se in una meta-analisi a parte, l'insieme degli effetti era ancora sensibilmente positivo.
Una potenziale spiegazione offerta dai ricercatori con cui mi sono confrontata è che i vantaggi misurabili nei molto giovani e nei molto anziani tendono a svanire quando si esaminano i giovani adulti all'apice della loro potenzialità cognitiva. D'altro canto, non è stato trovato nessun effetto negativo dell'educazione bilingue. Quindi, confermano che anche se i vantaggi sono piccolini, ne vale comunque la pena. Per non parlare di un'ovvietà, il fatto più rilevante sottolineato da molti di questi ricercatori: "I bambini bilingui possono parlare due lingue! È fantastico" commenta Bialystok.

 

Articolo di Anya Kamenetz pubblicato su NPR Ed. Traduzione di Serena Ciavatt