I bambini bilingui in età prescolare mostrano un più forte controllo inibitorio

Per gli allievi in età prescolare parlare due lingue può essere meglio che parlarne una, specialmente per sviluppare il controllo inibitorio - la capacità di fermare una risposta riflessiva frettolosa e preferire, invece, la selezione di una risposta più flessibile.

Quest'idea non è nuova, ma uno studio dell'Università dell'Oregon ha adottato un approccio longitudinale per esaminare l'ipotesi del beneficio del bilinguismo, che suggerisce che le richieste associate alla gestione di due lingue portino vantaggi cognitivi ben oltre il dominio del linguaggio.
L'indagine è apparsa nella rivista Developmental Science. I ricercatori hanno preso in esame un campione di 1.146 bambini del programma Head Start, che erano stati valutati sulla base del loro controllo inibitorio all'età di 4 anni, e poi erano stati seguiti per un periodo di oltre 18 mesi. I bambini erano divisi in tre gruppi in base alle loro competenze linguistiche: quelli che parlavano solo inglese; quelli che parlavano sia spagnolo che inglese; quelli che parlavano solo spagnolo all'inizio dello studio, ma che parlavano correttamente sia inglese che spagnolo nella
valutazione finale.
"All'inizio dell'indagine il gruppo che è entrato come già bilingue ha ottenuto un punteggio superiore in un test sul controllo inibitorio rispetto agli altri due gruppi", ha dichiarato l'autrice principale dello studio, Jimena Santillán, una dottoranda in psicologia dell'Università dell'Oregon ai tempi dello studio.
Le valutazioni a posteriori sono state effettuate a 6 e a 18 mesi. Il controllo inibitorio è stato valutato usando un comune esercizio di "pencil-tapping", in cui viene chiesto ai partecipanti di tamburellare la matita su un tavolo due volte quando lo sperimentatore tamburella una volta e vice versa, richiedendo agli studenti di inibire l'impulso di imitare quello che fa lo sperimentatore e di fare l'opposto.
Dopo il periodo delle valutazioni a posteriori, sia il gruppo bilingue che quello transitorio da monolingue a bilingue hanno mostrato lo sviluppo di un controllo inibitorio più rapido rispetto al gruppo monolingue di parlanti inglese.
"Il controllo inibitorio e la funzione esecutiva sono abilità importanti per il successo accademico e per gli esiti positivi della salute e per il benessere nelle fasi successive della vita", ha detto la co-autrice dello studio, Atika Khurana, professoressa nel Department of Counseling Psychology and Human Services and Scientist all'Istituto di Prevenzione Scientifica dell'Università dell'Oregon.

"Lo sviluppo del controllo inibitorio si presenta rapidamente durante gli anni prescolastici", continua la professoressa. "I bambini con un forte controllo inibitorio sono più capaci di prestare attenzione, seguire istruzioni e quando tocca a loro prendono l'iniziativa. Lo studio mostra come le influenze ambientali possono avere un impatto sullo sviluppo del controllo inibitorio nel corso della giovanissima età".
Gli scolari in questa ricerca provenivano da famiglie con uno stato socio-economico poco elevato, tipico degli allievi dell'Head Start. Questi bambini formano un gruppo a rischio di esiti più scarsi relativi alle abilità di funzione esecutiva. I ricercatori nello studio condotto hanno potuto confrontare alunniprovenienti da ambienti socio-economici simili. Inoltre, i ricercatori sono stati in grado di controllare altre variabili da associare allo sviluppo del controllo inibitorio, come l'età del bambino e le pratiche di educazione attuate dai genitori. Lo studio ha consentito ai ricercatori di concentrarsi sugli effetti dell'esperienza bilingue per quanto riguardo lo sviluppo del controllo inibitorio negli anni prescolastici.
Anche studi precedenti hanno esaminato gli effetti del bilinguismo sul controllo inibitorio, ma focalizzandosi su un particolare momento e si sono concentrati su campioni più piccoli di bambini, provenienti per la maggior parte dal ceto medio, chiarisce Santillán, che adesso è responsabile senior della ricerca al Center on the Developing Child all'Università di Harvard.

[...]

L'approccio longitudinale ha permesso ai ricercatori di osservare come il controllo inibitorio sia cambiato nel tempo per i bambini che stavano sviluppando il bilinguismo, così come per coloro che erano già bilingui.
"Ciò ci ha consentito di cogliere la natura dinamica dello sviluppo del bilinguismo e del controllo inibitorio, che variano nel tempo, ed escludere altre potenziali spiegazioni per le differenze osservate tra i gruppi", ha affermato.

[...]

"Siamo riusciti ad ottenere la prova che il bilinguismo può essere un fattore protettivo che aiuta i bambini a sviluppare abilità cognitive", ha dichiarato Santillán. "Ammesso che altri studi di ricerca supportino i nostri risultati, le scoperte che abbiamo ottenuto potrebbero avere delle ripercussioni per le politiche relative all'istruzione bilingue e potrebbero essere di stimolo
perché le famiglie crescano i loro figli come bilingui".

 

Articolo pubblicato il 31 ottobre 2017 sul sito MedicalXpress; tradotto in italiano da Serena Ciavatt